Notice: Undefined index: Operating System in /web/htdocs/www.stampaclandestina.it/home/wp-content/plugins/dba/includes/class/plugin_class.php on line 3595
singola testata | Stampa clandestina

IL PARTIGIANO

volontario della libertà: organo della 3. Divisione garibaldina "Cichero"


Luogo:
Bobbio, Bettola, Foppiano
Regione:
Liguria
Data inizio:
1 agosto 1944
Data fine:
21 aprile 1945
Tipologia:
militare
Gruppo militare:
Garibaldi
Numero pezzi:
14
BID:
TO01259834

Scheda storica

La nascita del “Il Partigiano” è frutto dell’idea di Anton Ukmar “Miro”, prima capo della Delegazione Garibaldi del triumvirato insurrezionale genovese e poi, dall’agosto 1944, membro del Comando Unificato militare Ligure e comandante della VI Zona Operativa. Giunto a Bobbio da Genova nel giugno del 1944, Ukmar si prodiga per la realizzazione di un giornale clandestino in grado di diffondere e divulgare gli ideali della lotta di Liberazione e di gettare le basi dell’Italia post bellica. Il primo numero de “Il Partigiano” esce il 1° agosto 1944 a Bobbio, con il sottotitolo “organo della divisione garibaldina Cichero” e solo nel settembre dello stesso anno, con il numero 7 (27 settembre 1944) appare la dicitura “organo della Sesta Zona Operativa”. Attorno a “Il Partigiano” viene ben presto a crearsi una vera e propria redazione sotto la direzione di Giovanni Serbandini “Bini”, già responsabile della sezione stampa della 3° divisione garibaldina “Cichero”, nominato in seguito responsabile della sezione stampa e cultura dell’intera VI Zona operativa. Durante la clandestinità vengono pubblicati 15 numeri, dall’agosto 1944 all’aprile del 1945, distribuiti al costo unitario di una lira. Alla realizzazione del periodico collaborano, tra gli altri, i partigiani Giorgio Gimelli "Gregory", Mauro Orunesu "Luciano", Spartaco Franzosi "Spartaco", Kino Marzullo "Kim", Stefano Porcù "Nino"; i pittori Nicola Neonato ("Pollaiolo"), Renato Cenni ("Acido") e Vittorio Magnani ("Marcello") si occupano dell’impaginazione del foglio e della realizzazione delle illustrazioni che arricchiscono il testo.
La diffusione de “Il Partigiano”, così come il processo di produzione, dipendono fortemente dalle vicende militari che coinvolgono la Zona operativa. La stampa, che avviene in un primo periodo nella Bobbio libera (con una macchina del 1890), viene spostata a Bettola a causa del rastrellamento di agosto 1944 e solo nel novembre dello stesso anno la sede editoriale torna a Bobbio, per poi essere nuovamente spostata nel paese di Scorticata durante il rastrellamento invernale. Il reperimento di un nuovo ciclostile e le ampliate possibilità permettono, nel marzo del ’45, l’apertura di una seconda tipografia a Foppiano, nei pressi di Gorreto, portando la tiratura a circa 5-6.000 copie e permettendo la diffusione del periodico nelle edicole della Val Trebbia e di Genova.
Nell’aprile del 1945 prende vita anche il supplemento “Stampa Libera”, anch’esso distribuito al costo di una lira. La pubblicazione de “Il Partigiano” prosegue con le stesse finalità nel dopoguerra, quando la testata diventa organo ligure dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia.
Nonostante la matrice comunista del direttore e dei redattori, “Il Partigiano” mantiene una linea rispettosa delle altre affiliazioni all’interno della Cichero e della Zona Operativa dalla quale scaturisce una prosa brillante e ricca che si sviluppa in numerose rubriche che spaziano dalla memorialistica al bollettino di guerra, senza tralasciare la politica, la cronaca e l’arte partigiana.

Bibliografia:
M. Elisabetta Tonizzi (a cura di), Stampa e giornalisti in Liguria tra l'ultimo fascismo e la Repubblica: 1943-1947, Roma, Bari, Laterza, 2008.
Il Partigiano, 15 numeri stampati in montagna dall'agosto '44 alla liberazione, Edizioni Quaderni de «Il Novese» n.2, nuova serie, Novi Ligure, 1979.
M.Tosi, La Repubblica di Bobbio, Storia della Resistenza in val Trebbia e val d'Aveto, Bobbio, 1977.
F. Gimelli, P. Battifora (a cura di), Dizionario della Resistenza in Liguria, De Ferrari, Genova, 2008. E. Scapolla, Pratiche di governo popolare in Val Trebbia. La repubblica di Torriglia, ed. Sagep per la Comunità Montana Alta Val Trebbia, Genova, 2007.

Riferimenti Archivistici:
Archivio ILSREC, Fondo Gim3 b.3 f.11
Archivio ILSREC, Fondo AM, b. 6, f.1 "Comando operativo VI zona. Stampa e propaganda".

Sottotitoli del periodico: volontario della libertà: organo della 3. Divisione garibaldina \"Cichero\"; organo della 6. zona operativa

Autore della scheda: Donatella Chiapponi

Numeri disponibili

1944

1 agosto . Numero 1, anno 1Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->
12 agosto . Numero 2 edizione ridottaLeggi il numero -->
Vai alla scheda -->
12 agosto . Numero 2Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->
19 agosto . Numero 3Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->
9 settembre . Numero 5Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->
18 settembre . Numero 6Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->
10 ottobre . Numero 8Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->
16 ottobre . Numero 9Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->
24 ottobre . Numero 10Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->

1945

14 marzo . Numero 13, anno [2]Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->
8 aprile . Numero 14Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->
21 aprile . Numero 15Leggi il numero -->
Vai alla scheda -->

Un progetto

insmli-verticale-rgb

via F. Confalonieri 14

20124 Milano

tel. 02 66823204

fax 02 66101600

segreteria@insmli.it

www.italia-resistenza.it

P.I. 07634660158

C.F. 80108310154

Con il patrocinio di