Notice: Undefined index: Operating System in /web/htdocs/www.stampaclandestina.it/home/wp-content/plugins/dba/includes/class/plugin_class.php on line 3595
singola testata | Stampa clandestina

RINASCITA GIOVANILE

organo dei gruppi giovanili della Democrazia del Lavoro


Luogo:
Roma
Regione:
Lazio
Data inizio:
24 maggio 1944
Ente produttore:
Partito democratico del lavoro
Tipologia:
giovanile,politica
Numero pezzi:
1


Scheda storica

Il foglio fu pubblicato per un solo numero, uscito poco prima della liberazione di Roma, il 24 maggio 1944, a cura di alcuni giovani della Democrazia del Lavoro: Roberto Japoce, Adolfo Annesi, Fabio Pellizzari, Carlo Guidotti, Pier Fausto Palaumbo.
Dalle sue pagine si incitavano i giovani d’Italia a prendere le armi contro i nazifascisti allo scopo di «riscattare la nostra patria con il sacrificio e con il sangue» e vi si sottolineava come «la morte fosse meglio di una vita senza speranze e senza onore». L’invito era a lottare «contro ogni forma di tirannia, contro ogni imposizione settaria, contro la violenza materiale e morale», rivendicando «la libertà come principio di rinascita», un’idea che dava, appunto, il titolo al giornale.
Vi si ribadiva, inoltre, la fede repubblicana dei giovani demolaburisti, in base al principio per cui: «monarchia è diseguaglianza, privilegio di pochi, di una casta parassitaria destinata a contrapporsi alla massa, peso inerte, fonte di corruzione, di privilegi e quindi di principi reazionari».
Leader riconosciuto della Democrazia del Lavoro era Ivanoe Bonomi che, tuttavia, durante l’occupazione nazifascista della città volle dimostrarsi al di sopra delle parti e non legato ai partiti. La direzione venne allora assunta da Meuccio Ruini.
Il gruppo auspicava una concentrazione in funzione terzaforzista di tutte le fazioni democratiche, così come era stato nei disegni di Bissolati prima e di Amendola poi, ed invitava tutti quei movimenti e partiti che «s’informano veramente allo spirito della democrazia del lavoro» a confluirvi.
Più che nelle operazioni di guerriglia, verso cui i vertici del partito nutrivano numerose diffidenze di ordine politico, l’apporto demolabutista alla resistenza romana riguardò le attività di fiancheggiamento dell’azione armata vera e propria.

Bibliografia/Sitografia:
L. D’Angelo, Ceti medi e ricostruzione. Il Partito democratico del lavoro (1943-1948), Giuffrè editore, Varese, 1981.

Sottotitoli del periodico: organo dei gruppi giovanili della Democrazia del Lavoro

Autore della scheda: Eugenia Corbino

Numeri disponibili

Un progetto
insmli-verticale-rgb
via F. Confalonieri 14
20124 Milano
tel. 02 66823204
fax 02 66101600
P.I. 07634660158
C.F. 80108310154
Con il patrocinio di
ovale_presidenza_consiglio
output_immagine

Notice: Undefined index: viewed_cookie_policy in /web/htdocs/www.stampaclandestina.it/home/wp-content/plugins/cookie-law-info/php/functions.php on line 361